Le origini

Biografia

Storia di un cantautore itinerante

BIOGRAFIA OLIVER Nato nell’anno del millennio, il 20 maggio del 2000, Oliver Alessandro Kaufmann Nalin, in arte OLIVER, trascorre i primi anni della sua vita a in Germania, a Colonia per poi traslocare nel 2012 a Verona. Oliver vive, ora, tra la città scaligera e Milano dove sta sviluppando i suoi primi progetti musicali, oltre che frequentando l’Università. Figlio di genitori trasferitisi all’estero per motivi lavorativi, l’infanzia e adolescenza di Oliver sono impregnate da spostamenti, viaggi e soprattutto dalla multiculturalità. E’ cresciuto parlando italiano con la madre, tedesco con il padre e inglese come prima lingua, dapprima all’asilo e poi per tutto il percorso scolastico. Oltre ad una versatilità verso il linguaggio, Oliver mostra già all’età di 6 anni passione per la musica iniziando con lo studio del pianoforte a cui presto aggiunge anche la passione per il canto e la composizione. La sua formazione è sia classica che pop. Già da bambino Oliver non teme il palcoscenico, spesso suona e canta in pubblico cimentandosi proprio con brani della tradizione pop dai Beatles a Michael Jackson a Michael Bublè.

Gli esordi

In giro per l’Europa

In Germania fa esperienza cantando in inglese in diversi musical per bambini/ragazzi, organizzati dalle scuole che man mano frequentava tra cui “Annie” “Grease” e “High School Musical” “Trojan War”, con ruoli importanti anche da protagonista. Dal 2015 viene seguito per lo studio del pianoforte classico dalla docente Isabella Lo Porto, titolare di cattedra al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia. Nel 2017 inizia la collaborazione con il Maestro Vince Tempera che continua tuttora per la produzione discografica di brani sia in italiano che in inglese. Tra i punti salienti: alcune esibizioni live di Oliver assieme al Maestro nel 2018 e nel 2019, la partecipazione ad vari eventi tra cui Casa Sanremo 2019, oltre che interviste a trasmissioni radiofoniche e televisive. Ascolta vari generi: pop (Ed Sheeran, Bruno Mars, Michael Jackson) trap/ hip-hop (Drake, J Cole, Notorious B.I.G, Tyler the Creator) e il filone più classico (Beatles, Queen, Frank Sinatra) Tutto questo ha aiutato e aiuta Oliver a sviluppare un profilo da artista eclettico.

Biografia -  -
Biografia -  -
Biografia -  -
Biografia -  -
Biografia -  -
Biografia -  -

Le connessioni

Il mondo artistico

“Un Secondo d’Amore”, supportato anche dal videoclip, è il singolo che ha inserito Oliver nel mondo della discografia, oltre a vederlo insieme a Gabriele Ferrini anche in veste di autore del testo. L’arrangiamento è del M°. Vince Tempera con registrazione negli studi di Abbey Road di Londra. Il brano è stato accolto dalle radio positivamente ed entrato nelle classifiche EMERGENTI e INDIE MUSIC LIKE . Dopo questo primo lancio più legato alla musica cantautoriale italiana, Oliver ha proposto un nuovo brano in inglese “STOP & SMILE” che ne sottolinea la crescita artistica e la sua indole internazionale, etichetta sempre Zelda Music e distribuzione Believe Digital. Il tutto fa parte di un progetto più ampio (album), coordinato dal maestro Vince Tempera, in cui l’artista abbina stili musicali anglosassoni con elementi della tradizione italiana. In “STOP & SMILE” Oliver si misura anche come compositore, oltre che come autore e cantante. La prima uscita per il 2020 indica una nuova esplorazione del giovane artista. Si tratta di un remix di un brano “RNB” di Drake. Oliver ne ha riscritto il testo e si cimenta con un’interpretazione che porta avanti la sua ricerca musicale abbinando e mescolando generi diversi. Oliver è un ragazzo contemporaneo. A Verona ha frequentato il liceo Internazionale concludendo a luglio 2019 l’International Baccalaureate (IB). Dal 2014 al 2019 ha partecipato per 5 anni di seguito al Programma Model United Nations (MUN) con sessioni di studio a Londra, New York, Dublino, Bilbao e Monaco di Baviera. Da settembre 2019 si è trasferito a Milano per lo studio universitario di Economics and Management. La sua passione sportiva è il calcio: gioca a livello regionale come esterno d’attacco, va spesso allo stadio e segue il calcio europeo